» Home » news

Andare per tagliate e cave buie

Andare per tagliate e cave buie

Disseminate in tutto il territorio della Tusca, le “tagliate”  sono  un labirinto di camminamenti rupestri lunghi e profondi: sembrano degli enormi corridoi che s’addentrano all’interno della roccia. Forse percorsi sacri, forse realizzati per difesa o per eliminare dislivelli sulle strade comunque percorsi estremamente interessanti perchè grazie alla particolare escursione termica si è naturalmente realizzato nel corso degli anni un prezioso orto botanico naturale.

Per alcuni studiosi sono nate originariamente in un contesto di culto della terra, dove in primo piano vi era l’utilizzo dell’acqua, per poi divenire dei percorsi sacri e funerari, ma è certo che sono state realizzate per collegare le necropoli Etrusche con i centri abitati dove oltre ai luoghi della quotidianità vi erano aree di culto religiose, dove potevano svolgersi cerimonie, processioni ecc.
Le tagliate etrusche sono anche chiamate ‘vie cave’, con il senso di vie scavate nel tufo. In epoca medioevale le tagliate sono state usate come vie di comunicazione, tradizione che si è protratta fino alla metà del secolo scorso dove, in fondo ai valloni scavati dai torrenti, vi erano orti e mulini.

Antico Presente ripercorre alcune di queste vie cave con due escursioni che regalano grandi emozioni.

Si inizia domenica 28 giugno con l’escursione LE VIE CAVE che partendo da Barbarano Romano scende dalla fonte del Pisciarello e attraverso un tagliata arriva in fondo ad un vallone per poi risalire su un altopiano e ridiscendere per la Cava di Sarignano. Il percorso ad anello mette in evidenza due grandi e rare realtà del territorio: la forra (una stretta gola di erosione tra pareti alte di tufo e perpendicolari in fondo alla quale scorre un corso d'acqua) e le vie cave.

Si prosegue poi il 18 luglio con un trekking lungo il fiume Biedano che , partendo sempre da Barbarano Romano (VT),  porterà alla conoscenza dei “Valloni”, ovvero antiche vie di comunicazione ricche di vita e attività nel passato, in un ambiente molto integro. Un percorso di grande suggestione che permette di apprezzare le più interessanti caratteristiche del territorio che, tra vecchie dighe, nidi di rapaci e vegetazione rigogliosa, rendono unica ed indimenticabile questa esperienza.

Tutte e due le escursioni sono inserite nell’iniziativa Anno degli Etruschi – Etruschi per tutti. Per rivivere insieme vari aspettidelle terre dell’antico popolo” promossa dall’’Amministrazione Comunale e il Parco Regionale Marturanum di Barbarano Romano con il Banco di Credito Cooperativo di Barbarano Romano e  la collaborazione dell’Associazione Antico Presente ed il patrocinio di Fondazione Caffeina Cultura e Caffeina Festival.

L’appuntamento è alle ore 9.30 al Centro Visite Barbarano Romano (VT)
Per informazioni contattare M.Giulia 335.8034198 info@anticopresente.it   www.anticopresente.it