» Home » etnotour

Tra sacro e profano, dagli etruschi ai cristiani a Norchia (VT)

Tra sacro e profano, dagli etruschi ai cristiani a Norchia (VT)

Il percorso che vi proponiamo per il giorno di pasquetta è un'immersione antropologica completa nel luogo, nella memoria e nella cultura della provincia di Viterbo e di Blera, un paese rurale della Tuscia grandioso e potente centro al periodo degli etruschi. Il pellegrinaggio, le antiche tradizioni, il Santuario/Eremo e la spettacolare Necropoli Etrusca saranno i vari aspetti e tappe che conosceremo insieme.
 
Noi ci incontreremo in tarda mattinata, dopo l’arrivo dei pellegrini, per conoscere una ricchissima tradizione orale sulla storia di questi luoghi e persone. S. Vivenzio infatti, patrono e primo vescovo del paese di Blera è il Santo protagonista di questo pellegrinaggio, la cui storia singolare ed un ingiusto destino, lo spinse a crearsi un vero e proprio eremo. Visiteremo la grotta che conserva tracce di antichi affreschi  ed il santuario pieno di ex voto dove si respira ancora grande devozione verso il Santo ed una realtà di altri tempi.
 
Il pellegrinaggio parte da Blera per arrivare al Santuario di S. Vivenzio nel territorio di Vetralla. I pellegrini partono la mattina presto e tra preghiere dei fedeli e canti popolari percorrono 12 km circa, per omaggiare il Santo e conservare il diritto di appartenenza del passaggio che conduce al suo santuario (ora appartenente, territorialmente, ad un altro comune). All’arrivo viene celebrata una messa all’aperto, si pranza e dopo antichi rituali i pellegrini  ripartono per ritornare a Blera.
 
Proponiamo un pranzo al sacco che, se volete, può essere condiviso ovvero che ognuno può portare qualcosa da condividere con gli altri componenti del nostro gruppo. Mangeremo all’ombra delle querce, tra i pellegrini e le loro famiglie, in un atmosfera famigliare. Dopo dei particolari canti intonati dai membri della Confraternita locale incaricata del pellegrinaggio, seguiremo la partenza della processione dei pellegrini di ritorno a Blera ed inizieremo il nostro percorso, diverso dal loro, e diretto ancora più indietro nel tempo.
 
Andremo alla conoscenza di questa parte abbastanza sconosciuta della Tuscia, con la nostra visita al sito di Norchia (a 2 km dal Santuario), una delle più scenografiche Necropoli rupestri del periodo Etrusco.
Dall’altopiano in cui sorgeva l’antica città protetta da profonde gole, fino a scendere a valle. Lungo le pareti rocciose e nell’isolamento più completo, si scorgono le affascinanti necropoli etrusche, che a differenza di altre, conservano incredibili decorazioni come frontoni di templi, la Gorgona, la Sfinge, iscrizioni, colonne ed una spettacolare via Cava (la cui percorrenza dipende dalle condizioni meteo).
A rendere il tutto più esclusivo e a preservare il sito da visitatori distratti, è la natura che si è riappropriata del territorio avvolgendo le rovine proprio come nei film di avventura.
 
Programma

  • ore 11.00 appuntamento e spostamento in auto nei pressi dell'eremo/santuario. Visita del santuario, della sua storia e dei rituali in corso.
  • ore 12.30 pranzo al sacco sul posto
  • ore 14.00 partecipazione canti e partenza pellegrini
  • ore 14.30 seguiremo i pellegrini per un breve tratto e poi inizieremo il nostro percorso per visitare la necropoli e i resti dell'antica Norchia, della lunghezza di 6,5 km
  • ore 17.30/18.00 fine della visita.
 A cura di Antico Presente
 
Guide
Sabrina Moscatelli Guida Turistica Abilitata e Guida Ambientale Escursionistica iscritta nel registro nazionale A.I.G.A.E. (tesserino Numero LA339) e Giuseppe Di Filippo, guida ambientale escursionistica AIGAE (tesserino Numero LA345)
 
Dati tecnici
Il percorso ad anello, facile/medio, è lungo circa 6,5  km con un dislivello di 100 metri. Durata 6 ore circa
 
Appuntamento
Lunedì 13 aprile 2020 ore 11,00 a Cinelli (VT) al Bar "Il gatto e la volpe". Tra Vetralla e Monteromano, dalla strada statale 1bis Aurelia, girare per Cinelli e dopo circa 2 km, angolo strada San Vivenzio, sulla destra, si trova il punto d'incontro. Per il punto esatto CLICCA QUI  
 
Equipaggiamento
Abbigliamento sportivo, scarpe da trekking obbligatorie. Solo per chi vuole, gli stivali in plastica o un piccolo asciugamano per  i piedi potranno essere utili per vedere la meravigliosa Via Cava. Proponiamo un pranzo al sacco che, se volete, può essere condiviso ovvero che ognuno può portare qualcosa da condividere con gli altri componenti del nostro gruppo.
 
Condizioni
Minimo 15 partecipanti. Prenotazione obbligatoria entro il 11 aprile.

Quota individuale
Quota di partecipazione per l’intera giornata €15,00 comprensiva di polizza professionale RC con massimale di Euro 5.000.000 con la possibilità di partecipare solo al pomeriggio pagando solo €10,00. I ragazzi fino a 16 anni non pagano mai la quota di partecipazione ma solo gli ingressi ove richiesti.
 
Informazioni e prenotazioni
Sabrina 339.5718135 info@anticopresente.it www.anticopresente.it
 
Questa uscita fa parte di un tour di 3 giorni alla quale si può partecipare ad una o più uscite. Toccheremo le mete più esclusive ed entusiasmanti della Tuscia. Per ulteriori info CLICCA QUI

Chiedi informazioni o prenotati



  1.  
11 Aprile 2020
Pasqua e 1° maggio: due weekend nelle meraviglie della Tuscia
In due fine settimana, le mete più esclusive ed emozionanti della Tuscia (VT) con guida turistica...