La valle dei mulini nelle gole del Biedano (VT)

La valle dei mulini nelle gole del Biedano (VT)


L’attività vulcanica con le sue esplosioni ha ricoperto tutto il territorio di una coltre di materiale incandescente divenuto con il tempo e con le piogge uno strato di tufo che ha forgiato il territorio del Parco Marturanum, noto per le sue necropoli rupestri ma anche per la lussuosa vegetazione che ci riporta indietro nel tempo.
 
Il torrente Biedano, che nasce dalle viscere della terra sotto il borgo di Barbarano Romano con  il suo incessante scorrere per millenni ha scavato delle gole tra pareti di tufo alte anche 60 metri frutto dell’erosione dell’acqua sui terreni vulcanici locali.
All’epoca degli etruschi la via che costeggiava il torrente era la strada che collegava i due abitati di Blera e di Barbarano Romano, le alture erano impenetrabili boschi e selve. Anche i romani passavano per le gole che con loro divennero una vera e propria via: la Clodia.
 
Anche noi ripercorreremo parte di quest’antico tracciato che ci permette di rivivere un paesaggio naturalistico e storico di estrema bellezza, sulle orme degli antichi abitanti, dei viaggiatori, degli eserciti e dei mercanti di ogni epoca.
 
Il percorso mette in evidenza due grandi realtà del territorio: la forra e le vie cave: La prima è una stretta gola di erosione tra pareti alte di tufo e perpendicolari in fondo alla quale scorre un corso d'acqua, le vie cave invece, caratteristiche del periodo etrusco, sono scolpite all’interno di banchi tufacei e costituiscono una suggestiva rete viaria di epoca etrusca. Collegavano vari insediamenti e necropoli nell'area e rappresentavano anche un efficace sistema di difesa contro possibili invasori.
 
Nella nostra escursione  percorreremo la suggestiva cava delle Quercete con iscrizioni di tutti i tempi che ci porterà nel fondo della gola. Qui attraversando il torrente più volte scopriremo rovine di antichi mulini e dighe che formano laghetti inaspettati, antichi cunicoli per regimentare le acque e orti utilizzati dalla popolazione fino alla metà del secolo scorso.
 
Escursione a cura di Antico Presente
 
Guida
MGiulia Catemario, Guida Ambientale Escursionistica iscritta nel registro nazionale A.I.G.A.E. (tesserino Numero LA341).
 
Dati tecnici
Il percorso, di facile/media difficoltà, attraversa più volte il torrente su massicciate di pietra. Lunghezza di circa 5 km con un dislivello di 100 metri. Durata 3 ore
 
Appuntamento
Domenica 26 gennaio 2020 ore 9.30  nel parcheggio  in piazza Regina della Pace a Blera (VT)  Da qui ci sposteremo in macchina (1 km) sul luogo di inizio della passeggiata. Per il luogo preciso CLICCA QUI.
 
Equipaggiamento
Abbigliamento sportivo, scarponcini da trekking, acqua.Utili i bastoncini.
 
Condizioni
Minimo 15 partecipanti. Prenotazione obbligatoria entro e non oltre il 24  gennaio 2020. Con la prenotazione i partecipanti dichiarano di avere la giusta preparazione per l’escursione. Cani ammessi con il guinzaglio.
 
Quota individuale
€10,00 comprensiva di polizza professionale RC con massimale di €5.000.000. I ragazzi fino a 16 anni non pagano mai la quota di partecipazione ma solo gli ingressi ove richiesti.
 
Info e prenotazioni
MGiulia 335 8034198; info@anticopresente.it; www.anticopresente.it
 

Chiedi informazioni o prenotati



  1.